Materie plastiche, i produttori europei: fissare al 30% il quantitativo obbligatorio di materiale riciclato negli imballaggi in plastica entro il 2030

Bruxelles, 9 settembre 2021

Un quadro politico appropriato e la collaborazione con la filiera sono essenziali per raggiungere l’obiettivo

PlasticsEurope, associazione europea dei produttori di materie plastiche, sostiene la necessità di prevenire e ridurre gli imballaggi in eccesso e i rifiuti da imballaggio e accoglie con favore la revisione della Direttiva sugli Imballaggi e sui Rifiuti da Imballaggio (PPWD), fondamentale per la transizione verso un’economia circolare per la plastica, inclusa la proposta della Commissione europea di stabilire un quantitativo obbligatorio di materiale riciclato negli imballaggi in plastica entro il 2030. Una soglia che, secondo gli industriali, va fissata al 30%.

Ingenti gli investimenti del settore per produrre quantitativi sempre maggiori di plastica riciclata di alta qualità con soluzioni tecnologiche all’avanguardia, soprattutto il riciclo chimico, essenziale per raggiungere un obiettivo così vincolante: secondo le stime dell’Associazione, gli stanziamenti ammonteranno a circa 2,6 miliardi di euro nel 2025 e fino a 7,2 miliardi di euro nel 2030.

Comunicato Stampa